Dentro e fuori, il blog dei detenuti fa il bilancio e si rilancia

3 Marzo 2014

Quasi 6.500 visitatori online (di cui circa 5 mila "nuovi") nel 2013 sul sito dedicato ai temi e ai problemi della carcerazione e dei detenuti e oltre 8 mila pagine visualizzate. Sono i risultati di "Dentro e fuori", il primo blog italiano scritto da persone detenute nelle carceri e che e' "basato" tra gli ospiti della sesta sezione della Casa circondariale di Torino. Al progetto hanno partecipato, tra gennaio 2013 e gennaio 2014, 59 detenuti autori di 520 articoli che hanno "provocato" oltre duemila commenti.

Per motivi di sicurezza, internet è interdetto nelle carceri italiane. Ma dal 2005 a Torino i detenuti della VI sezione del Padiglione A, meglio conosciuta come Sezione Prometeo, dialogano attivamente con i visitatori del sito internet. I volontari de "Il Contesto" - la rivista che ha dato vita al blog - si recano settimanalmente in sezione per consegnare i messaggi lasciati dai visitatori, stampati su carta, e per ritirare i testi scritti dai detenuti. Questi testi, che possono essere controllati dall'amministrazione carceraria secondo le norme in vigore, vengono copiati e pubblicati sul sito. In questo modo, è possibile portare internet dove internet non può entrare...

L'iniziativa poggia, dunque sulla comunicazione mediata da internet e ha lo scopo di costruire un ponte tra detenuti e società civile. "Crediamo - spiegano gli organizzatori - nel valore della relazione come occasione di riscatto e crescita personali". "Dentro e Fuori" si avvale della collaborazione dei volontari del blog, dei giornalisti de Il Contesto, della Casa circondariale Lorusso e Cutugno e degli ospiti della stessa. Il blog e' un'iniziativa patrocinata dall'assessorato alle Risorse e allo Sviluppo della Cultura del Comune di Torino.

Il progetto sara' ulteriormente implementato. "Andremo a individuare - sottolineano i volontari de Il Contesto - ambiti di lavoro sia dentro, all’interno della casa circondariale, sia fuori, verso ambienti che poco conoscono la realtà detentiva". Tra gli obiettivi, il consolidamento del progetto all’interno dell’Istituzione penitenziaria e del territorio torinese e, tra le attivita', l'estensione del blog ad altre sezioni della Casa circondariale, come sta succedendo per il padiglione femminile. "Ci stiamo attivando - spiega Daniela Sciangula, per il blog realizzato da Il Contesto - per organizzare un ciclo di quattro incontri, da maggio a novembre, che andranno a raccontare la realta' detentiva e la nostra esperienza di volontari, utilizzando registri diversi: artistico, divulgativo e piu' istituzionale. In questo periodo ci stiamo occupando di organizzare il primo incontro, che molto probabilmente sara' contenuto nel programma del Salone off (del libro) di Torino".

Adriano Moraglio