“Porte aperte” alla Casa circondariale di Torino

24 Settembre 2014

La Casa circondariale ”Lorusso e Cutugno” si apre, ancora una volta, alla comunità esterna per contrastare la mentalita' che considera il carcere una realta' estranea al tessuto sociale. Sabato 27 settembre avranno accesso al carcere diciotto persone che hanno manifestato il proprio personale interesse ad avvicinarsi all’universo carcerario.

L’Associazione “La Brezza”, in collaborazione con il Consiglio regionale del Piemonte e il Consiglio regionale del volontariato, ha infatti organizzato una dettagliata visita ai laboratori che da tempo i suoi volontari allestiscono all’interno dei vari padiglioni dell’Istituto torinese: i visitatori avranno la possibilita' di assistere al mini-spettacolo “Triciclolino Love Story” presso il piccolo teatro di cartapesta montato all’interno del pullman ludoteca “Colori in testa”, donato dall’Iveco nel 2011 e completamente riadattato dai partecipanti al laboratorio di espressività del padiglione A. Questo spazio verrà utilizzato per l’intrattenimento dei bimbi che ogni giorno effettuano colloqui con i propri familiari detenuti, e si vedranno inoltre consegnare un album da colorare stampato con la collaborazione della Regione Piemonte. Dopo la proiezione del filmato “L’albero degli specchi” realizzato sempre nell’ambito del laboratorio di scrittura espressiva realizzato dalla Brezza, i visitatori seguiranno la presentazione del laboratorio di serigrafia, sviluppato all’interno del blocco B con il contributo economico del Comune di Torino, e successivamente parteciperanno alla piantumazione di un albero dell’ulivo, segno di pace, che i giovani del Servizio civile nazionale hanno voluto donare al carcere piemontese.

La visita, programmata nell’arco della mattinata, si concluderà presso la comunità “Arcobaleno” con la visione della mostra fotografica allestita a cura degli stessi partecipanti al laboratorio di arte ed espressione del sé. Nella giornata successiva, Domenica 28 settembre, in concomitanza con l”Open Day regionale del volontariato”, avrà poi luogo la mostra “Arte ed Espressione del Sé”presso la sede operativa dell’Associazione, sita a Collegno in via Martiri XXX Aprile,77: la mostra, aperta a tutti dalle 9 alle 13 , racchiuderà tutte le opere ultimate nei vari padiglioni del complesso detentivo torinese in più di dieci anni di attività associativa. Nell’occasione sarà possibile visitare anche “La Bottega di falegnameria" in via Tampellini, 41 presso il Magazzino Comunale di Collegno. Lo scopo del progetto “Porte Aperte” rimane in ultimo quello di proseguire, in piena sinergia con la sede ospitante, nell’avviata opera di sensibilizzazione del territorio, in modo da accorciare le distanze tra il carcere e la società civile, preparando quest’ultima all’accoglienza e al reinserimento delle persone detenute.